Skip to content Skip to footer
Brief info

Mi presento, sono Assunta Mariniello, ho 48 anni, sono Gallaratese madre di ragazzo adolescente e, vorrei descrivere i motivi per cui ho reso pubblica la mia candidatura prossime amministrative nella lista civica “Obiettivo Comune Gallarate-Massimo Gnocchi Sindaco”.

L’idea di candidarmi a consigliere comunale del Comune di Gallarate è maturata quando ebbi modo di avvicinarmi a persone con idee innovative e con la voglia di cercare di risolvere le vere problematiche della città. Partecipando a diversi incontri della lista civica per cui mi candido, ho conosciuto persone speciali e di onestà unica.

Sono imprenditrice in campo edile ed immobiliare, pur avendo a cuore il rispetto dell’ambiente e la salute degli animali visto che due splendidi gatti.
Mi candido quale persona nuova che si affaccia alla politica ed istituzioni con idee innovative e con la voglia di cambiare; cercando di concedere ai cittadini i giusti servizi di cui hanno necessità. Oltremodo, sono cittadina priva di pendenze giudiziarie o cause civili.
La mia persona è sempre stata lontana dai partiti, pur ritenendo di avere competenze per partecipare a governare la città di Gallarate quale consigliere, in uno scenario politico amministrativo che necessita non solo di un parziale ricambio generazionale ma, anche di persone capaci e volonterose, ispirate ai buoni valori morali ed etici.

Sarei contenta che, in queste elezioni, vi sia una alta percentuale di votanti, in particolare mi rivolgo ai giovani che negli ultimi anni hanno espresso disaffezione verso la politica e le istituzioni. Vorrei trasmettere il mio pensiero sulla possibilità di ottenere per il Nostro Comune la buona politica che, unita alle nostre idee, potrebbe dare e dimostrare risultati concreti e non slogan.

L’invito che rivolgo a tutti i candidati è quello del rispetto reciproco ed incondizionato, pensando ai reali problemi dei cittadini e come cercare di risolverli nel miglior modo e minor tempo possibile.

Ai cittadini, voglio offrire uno spiraglio di fiducia, invitando gli sfiduciati ad andare a votare, perché è un diritto ed un dovere che va espresso.

Non fatemi mancare il Vostro sostegno.